×

Notice

Please enter your Disqus subdomain in order to use the 'Disqus Comments (for Joomla)' plugin. If you don't have a Disqus account, register for one here

L’Asse Ancona - Belgrado – Halle premia la Brixia in crescita

Sabato 18 e domenica 19 Febbraio sono andati in scena i Campionati Italiani Assoluti arrivati alla 48° edizione. Quest’anno nel pala indoor di Ancona si sono distinti ben 2 atleti d’argento, nel salto in alto con Christian Falocchi e Lucia Pasquale nei 400 metri.

Copertina da grande favorito per Christian che ha dovuto contendersi la medaglia d’oro con il più esperto Silvano Chesani delle Fiamme Oro. Dopo il rischio di eliminazione a 2.13 sale fino a 2.19, sbagliando le 3 prove successive a 2.22 e 2.25. Prima medaglia agli assoluti per lui e pass strappato per gli Europei di Belgrado, dove lo ritroviamo due settimane più tardi alla Kombak Arena di Nuova Belgrado a cimentarsi nella prima esperienza internazionale con la squadra italiana. Dopo alcuni errori durante le prove a 2.10 e 2.16 riesce al terzo tentativo di scavalcare i 2.21, la sua terza miglior misura di sempre. Con questa eccezionale prova di carattere il ragazzo di Bergamo si classifica al tredicesimo posto.

Altra protagonista di Ancona è stata Lucia Pasquale, anche lei arrivando con i “favori” del pronostico, duetta con Ayomide Folorunso (sempre Fiamme Oro) fin dalle batterie dove l’atleta allenata da Tonino Ferro sigla un tranquillo 53.66. In finale l’alfiere della Polizia si prende la rivincita degli italiani di categoria,lasciando Lucia al secondo posto in netto recupero negli ultimi 50 metri. Nonostante avesse il minimo la Federazione decide di non portare nessun atleta a competere nella gara individuale agli europei, probabilmente per scarsa possibilità di medaglie,e per arrivare alla prova di squadra più “fresche”. Così troviamo la giovane promessa pugliese in prima frazione nella 4x400. Purtroppo anche qui l’Italia arriva al quarto posto con il quartetto femminile, non troppo distanti dell’Ucraina, e con Lucia non molto contenta della frazione compiuta, ma pur sempre di panorama internazionale stiamo parlando.

Due settimi posti per Andrea Federici nei 60 e Dominique Rovetta nel triplo. Ai blocchi di partenza nei 60 si presenta oltre ad Andrea anche Roberto Rigali. La discussione qualificazione alle semifinali non è in discussione infatti i due uomini veloci vi accedono senza grossi intoppi, con 6.88 per Roberto e 6.86 per Andrea. In finale passa solo il ragazzo allenato da Marinella Signori, con il primato stagionale di 6.82 che rappresenta comunque il suo terzo miglior tempo di sempre. Sfortunatamente Roberto rimedia un infortunio al pollice della mano sinistra compromettendo la staffetta e la sua gara che chiude comunque con un buon 6.91. In finale brutta corsia per Andrea, esiliato come quasi tutti i finalisti Brixia di quest’anno in ottava corsia e dopo le false partenze di Ferraro (poi trionfatore) ottiene un 6.90. Secondo settimo posto consecutivo agli Assoluti Indoor dopo quello dello scorso anno corso in 6.92 (un miglioramento c’è). Secondo settimo posto consecutivo indoor anche per Dominique dove nel triplo trova all’ultimo salto il primato personale al coperto con 15.47.

 

2 gare molto intense sono state per Camilla Maestrini sui 60 metri ad Ancona e ad Halle al triangolare Italia Francia Germania. In batteria agli assoluti sigla un eccellente 7.61 che rappresenta il nuovo personale. In semifinale si peggiora di pochissimo 7.63, ma quanto basta per non accedere alla finale in cui sarebbe servita un’impresa. In terra tedesca si comporta ancora meglio con un grandissimo risultato nella prova speciale dei due 60 metri. Infatti durante il secondo stampa un 7.59 prima volta sotto il muro dei 7.6 classificandosi poi al quinto posto.

Raggiungono il nono posto le ragazze nella staffetta 4x200 metri, composta da Camilla Maestrini, Linda Guizzetti, Lucia Pasquale e Giulia Curone in ultima, con il nuovo primato sociale abbattuto di ben 2 secondi 1:42.29. Gara molto difficile per Linda nei 60 ostacoli  dove la possibilità di entrare in finale era aggrappata  a un’impresa titanica, lei non si scoraggia e nel pomeriggio di sabato 18 ferma il cronometro a 8.80 (terzo miglior crono dell’anno e di sempre) dimostrando una gran tenuta mentale e fisica anche quando il gioco si fa duro.

Alla fine la classifica dei Cds Assoluti vede la spedizione maschile durante i 3 campionati al decimo posto, mentre quella femminile al dodicesimo.

Ad Halle grande prova per David Zobbio nella staffetta 4x200 con l’oro, dove insignito nella seconda frazione corre molto veloce e porta all’oro la squadra grazie anche a Bapou, Marchei e Campana con 1:28.53. Dopo il personale sui 200 si regala anche quello nei 60 extra con 7.00 (che è passato in sordina,ma è comunque il terzo tempo sociale dell’anno).