×

Notice

Please enter your Disqus subdomain in order to use the 'Disqus Comments (for Joomla)' plugin. If you don't have a Disqus account, register for one here

Brixia 2017, Verso il CAMBIAMENTO

La Brixia Atletica è sempre più nella storia bresciana con un 2017 estremamente prolifico a livello individuale e di squadra. Su pista il primo ottobre si è chiusa un’annata ricca di risultati eccellenti.

CDS ARGENTO, conquistata la prima finale nazionale con la squadra maschile che per tre giorni si è trasferita al Sud, precisamente ad Agropoli nel weekend del 23 e 24 Settembre, conquistando un grandissimo settimo posto, lasciando solo ad un punto i quarti. Ottima la vittoria di Christian Falocchi nell’alto, seguito da un argento di Dominique Rovetta nel triplo, e da 4 bronzi, nei 100 con Andrea Federici, nell’asta di Giuseppe Boccaforno, nei 400 ostacoli di Tommaso Tanagli e nella 4x100 con Piergiorgio Bianchini, Alessandro Papetti, Andrea Federici e Roberto Rigali. Appuntamento al 2018.

FINALI INTERREGIONALI, 3 sono le squadre piazzate nelle finali oltre a quella maschile assoluta. A Torino le donne bissano la prestazione dello scorso anno concludendo questa volta al quinto posto, seppur a pari merito con le quarte classificate, ma a causa di sfortunate assenze la squadra “peggiora” di una posizione. Eccellente la staffetta 4x100 che vince con Alessia Saramondi, Linda Guizzetti, Ilenia Vaira e Elena Carraro. Buono anche il bronzo della lunghista Paola Ercoli che questa volta ha dovuto cimentarsi nel salto triplo. Con una squadra al completo si potrà fare ancora meglio l’anno venturo.  La settimana seguente sono scesi in pista gli Allievi a Chiari nella finale interregionale del Nord Ovest, guidati da uno straripante Stefano Cordella vittorioso nell’asta, e da due grandissimi argenti di Bara Ousseni nei 110 ostacoli e Ion Soltan nel suo lungo. I maschi, anche qui rimaneggiati concluderanno al sedicesimo posto. Tredicesime invece le donne trascinate dall’ostacolista Elena Carraro, unica a salire sul podio, continuano la tradizione delle finali femminili Under18 della nostra società.

ALTISSIMO, questa è stata la stagione di Christian Falocchi, l’altista di Bergamo che dalle indoor, in seguito a un leggero infortunio che lo ha tenuto ai box per i primi mesi della stagione estiva, continua a far parlare di se, grazie al fantastico argento ai Campionati Europei Under23 in Polonia nella città impronunciabile di Bydgoszcz. Tutto questo condito da un'altra prova di forza notevole a Trieste durante i Campionati Italiani Assoluti dove raggiunge il podio sul gradino che gli regalerà una medaglia di bronzo, e la prima medaglia assoluta outdoor in casa Brixia.

CONTINUANO LE MAGLIE AZZURRE, grazie ad Andrea Federici anche lui in Polonia a vestire e difendere la maglia azzurra nella 4x100 in finale e una favolosa Linda Guizzetti che a Grosseto nei suoi Campionati Europei Under20 trova una non facile semifinale nei 100 ostacoli. Per Andrea è il terzo anno consecutivo che veste la maglia azzurra da quando è stata fondata la Brixia, Record (4x100 nel 2015; 60, 4x200, 100, 4x100 nel 2016; 4x100 nel 2017).

SEMPRE PROTAGONISTI AGLI ITALIANI UNDER, negli Under18 arriva il primo oro nella 4x100 con anche il record provinciale, ad opera di Davide Meli, Ion Soltan, David Zobbio e Andrea Bertolani, migliorando così di un secondo il tempo di accredito. Argento per il talento di David Zobbio nei 200 metri con un tempo che gli sarebbe valso come pass per i mondiali Under18 a cui l’Italia però ha rinunciato. Finale per gli ostacolisti Bara Ousseni e Elena Carraro. Nella categoria superiore, ottima Linda Guizzetti che conquista il secondo bronzo della stagione dopo quello nei 60 ostacoli, al primo anno di categoria. Prosegue la tradizione delle staffette, con un argento al femminile, grazie a Saramondi, Guizzetti, Corbari e Curone. Sfiora il podio Giuseppe Boccaforno l’astista, che dopo aver rischiato qualcosa in qualificazione, in finale chiude con la stessa misura dell’argento, peccato. Finale anche per il pesista Nicolas Prosperi. Orfani delle stelle Falocchi e Pasquale (alto e 400) fermi nelle rispettive specialità per infortunio, gli Under23 si distinguono sempre e comunque, approdando in finale e sfiorando il podio con il settore della velocità, grazie ad Andrea Federici nei 100, Roberto Rigali e Pietro Pivotto nei 200, Tommaso Tanagli nei 400 ostacoli, la staffetta 4x100 uomini di Federici, Papetti, Rigali e Pivotto, e la 4x100 donne di Vaira, Colosio, Ercoli e una Pasquale a “mezzo servizio”. In due giorni Francesco Agostini corre i 3000 siepi e i 5000 metri riuscendo a rimanere sempre nei primi sei in entrambe le specialità, vero stakanovista.

 

VERSO LE STELLE, quello che sta diventando la Brixia è una realtà sempre più presente in campo regionale e nazionale, con due maglie assolute e tantissimi podi nell’arco di questi primi anni di attività. Il lavoro dei tecnici sempre più qualificati e un settore dirigenziale sempre più all’altezza degli obiettivi potrà far si ché la società continui a crescere e che le generazioni future possano trovare all’interno della Brixia non solo un luogo per fare sport, ma anche una realtà professionale che mira alla crescita e allo sviluppo dell’atleta, in tutte le chiavi di lettura, da quella sportiva a quella umana.